Questi pannelli sono composti da una schiera di tubi sottovuoto in vetro, ognuno contenente un assorbitore (generalmente una lastra di metallo nero) che capta l’energia solare e la trasferisce ad un fluido che trasporta il calore. Grazie alle proprietà isolanti dello spazio vuoto, le perdite di calore sono molto basse e si possono raggiungere temperature di circa 100°C al di sopra della temperatura dell’ambiente. Perciò questi pannelli sono particolarmente adatti per utilizzi a temperature più elevate. Il collettore solare CST HCA è la soluzione adatta alle applicazioni a circolazione forzata. Il sistema adotta la tecnologia del tubo Heat Pipe con rivestimento selettivo Three target di ultima generazione che garantisce produzione di acqua calda anche in presenza di temperature esterne molto rigide o in presenza di scarso irraggiamento solare permettendo di ridurre al minimo gli avviamenti della caldaia. Questi collettori sono consigliati sia per applicazioni domestiche, sia per applicazioni industriali grazie alla possibilità di installazioni serie/parallelo.

Il materiale utilizzato per la scocca ed il telaio è l’alluminio anodizzato, che permette di unire caratteristiche di leggerezza, resistenza strutturale e di resistenza alla corrosione atmosferica. I tubi sottovuoto sono inseriti a secco nel collettore ed è quindi possibile la manutenzione senza dover svuotare il circuito primario.

I pannelli sottovuoto sono comparabili con quelli piani?

In un caldo giorno di sole, il pannello piano produce la stessa quantità di calore (più o meno) di un pannello piano con la stessa area. In tutte le altre condizioni climatiche, i pannelli sottovuoto producono molto più calore dei pannelli piani. La differenza è notevole. I pannelli piani non hanno buone prestazioni specialmente durante le giornate ventose e fredde d’inverno, proprio quando l’acqua calda è più utili. Nonostante la tecnologia possa migliorarne le prestazioni, anche i migliori pannelli piani non arriveranno mai a performare come quelli sottovuoto, causa l’isolamento: il vuoto è il miglior isolante in natura. La differenza stimata può essere del 20%.

SCARICA LA SCHEDA TECNICA DI ” CST HCA”

PER INFORMAZIONI CONTATTACI

Nome *

Cognome *

E-mail *

Telefono *

Indirizzo

Città

Messaggio *

Ho letto ed accetto le condizioni sulla Privacy